Sito web Broletto Corporate Advisory

Stefano Bergomi Portfolio Progetti Lavori Web Broletto Corporate Website

Secondo step del progetto Broletto, la realizzazione del sito web istituzionale, passaggio importante per la costruzione dell’immagine online.

Dopo aver realizzato il brand Broletto Corporate Advisory, il secondo step di questo progetto nel settore fintech riguarda la realizzazione del sito web istituzionale.

L’obiettivo più importante, a livello evocativo e visivo, è mantenere coordinato lo sviluppo dell’immagine nata con il nuovo marchio. Quindi stili, tratti, palette colori, scelte stilistiche, tutto deve necessariamente proseguire anche in questa prima manifestazione online.

Per essere preciso, sarebbe la seconda, perché in realtà la prima online ha riguardato la creazione della pagina aziendale sul profilo Linkedin di Broletto. Un passaggio semplice, un’opportunità (a costo zero) che numerose società ancora non colgono per migliorare la propria presenza su questa piattaforma, ormai molto diffusa.

Naturalmente un’attività più immediata ma che desidero sia in linea con la visual identity, come qualsiasi altro supporto o elemento che sarà necessario realizzare in futuro.

Il sito web istituzionale, per ora nella prima versione in lingua inglese per il carattere internazionale del mercato di Broletto, l’ho realizzato con la piattaforma WordPress, come sempre ormai senza l’utilizzo di temi preconfezionati.

Stefano Bergomi Portfolio Progetti Lavori Web Broletto Corporate Website 02

Prima però di progettare i template principali del sito di Broletto in Adobe Xd, ho condiviso con il cliente lo schema per la navigazione ed i contenuti. Il file di info architecture è fondamentale per rendere in modo chiaro e semplice l’idea della struttura del sito e delle principali funzionalità.

Riguardo al look & feel, Broletto ha richiesto un aspetto semplice, curato, con un tono istituzionale ma anche “fresco”, che evocasse modernità e praticità. Un layout che riuscisse a sfruttare in modo efficace questa prima versione prettamente informativa del sito.

Una volta ottenuta l’approvazione di Broletto per la parte di design, quelle che seguono sono le fasi che, in modo sommario, portano alla pubblicazione del sito.

  • Installazione e configurazione dell’ambiente WordPress
  • Installazione, attivazione e configurazione dei plugin necessari, che cerco di limitare il più possibile, per evitare di appesantire inutilmente il sito.
  • Montaggio di header e footer, versione desktop, tablet e mobile.
  • Montaggio delle varie pagine e template, da quelle dedicate ai contenuti, alle info legali e le consuete per il contatto e il recovery dell’errore “404”.
  • Disegno delle icone vettoriali necessarie per alcuni sezione e la ricerca delle prime immagini fotografiche.
  • Caricamento dei contenuti di testo e di title e description per la SEO.
  • Caricamento delle immagini, salvate con nomi consistenti ed il relativo testo alternativo, il necessario tag “alt”.
  • Ottimizzazione del sito e test su vari tool online.
  • Test finale di navigazione, controllo link, responsive.

Prima del fatidico go-live, come di consueto procedo con l’implementazione e la configurazione dei seguenti tool di Google.

  • Google Tag Manager
  • Google Analytics 4
  • Google Search Console
  • Bing Webmaster Tool


A seconda del progetto possono essere utili anche altri strumenti di controllo, marketing, customer. In questo caso, per questa prima release del sito Broletto, i classici tool di Google ritengo che possano già ben coprire le necessità attuali.

Nonostante il sito Broletto non abbia, almeno per ora, la necessità di implementare funzionalità più avanzate, come ad esempio un ecommerce,

nella mia metodologia è importante sempre cercare di fare uno sforzo in termini di qualità, con l’attenzione ai dettagli, sia lato front end che nel dietro le quinte della SEO e dell’ottimizzazione.
Potrebbero invece essere utili in un secondo step, l’aggiunta di un blog per la gestione di contenuti di maggior respiro relativi all’attività gestita o delle pagine specifiche acquisizione di lead o landing page di campagne.

Stefano Bergomi