L’obiettivo principale del mio portfolio lavori

Stefano Bergomi Portfolio Progetti Lavori Clienti Intro Senso

Trasmettere che dietro ogni progetto ci sia un’idea, un ragionamento, un po’ di sostanza e che il tutto sia piacevole ed equilibrato.

Che fai sbirci? Accomodati, si scherzava! È più che giusto poter guardare qualche lavoro per chi è interessato ai miei servizi. Faccio solo una premessa a cui tengo. Dal mio punto di vista, l’obiettivo principale è trasmettere ciò che cerco di applicare ad ogni progetto, ovvero un approccio, una metodologia, una volontà di non essere solo in grado di offrire qualcosa di “accattivante”, ma spingermi oltre.

Anche l’aspetto di gradevolezza, quel non so che fa apparire tutto in un equilibrio che funziona e non stufa, quel piccolo particolare che fa la differenza, che rende “tuo” quel prodotto o servizio.
Nel mio modo di vivere questo lavoro, per raggiungere questo stato di soddisfazione, sono necessarie idee, ragionamenti, prove, processi non solo creativi.

Per questo, oltre al legittimo gusto personale, per me è importante dotare un progetto di spessore, altrimenti il “mi piace” o “non mi piace”, ha vita breve e scarsa valenza, si riduce ad un mero scatto delle pupilla. Al contrario un progetto pensato, ricercato e approfondito (entro giusti limiti senza inutili esagerazioni), fa la differenza nel medio e lungo periodo e solitamente ha ottime chance anche al primo impatto, alla prima impressione.

I progetti che deciderò di presentare nel portfolio li voglio raccontare un modo più approfondito, saranno più che altro dei case study e, di conseguenza, prendere a due mani una manciata di lavori e buttarli su così al volo, non ha senso.

Tra l’altro, per chi fa questo mestiere, andare ad aprire l’archivio lavori è un bel tuffo nel passato, è un attimo perderti nei ricordi che accompagnano questi progetti, hanno di fatto scandito un’esistenza. In più di vent’anni di onestà carriera, direttamente o indirettamente, da dipendente, titolare, collaboratore o freelance, con ruoli e responsabilità più o meno ampie, ho avuto il piacere e l’onore di poter interagire con numerosi clienti.

Grandi, medi, piccoli, in tanti settori diversi e per progetti che spaziano dal sito web al packaging, dalla progettazione del marchio all’animazione, dalla piattaforma al print design, dal mobile al copy, dalla SEO al flyer, dall’advertising al podcast. Davvero un lungo percorso costellato di tantissime sfide ed altrettante soddisfazioni, ma soprattutto tonnellate di impegno e lavoro.

Ne cito alcuni a memoria e a caso: Bracco, Ferrari, Maserati, Telecom, ING, Fracarro, Amplifon, Pirelli, Gestielle, Poste Italiane, Euro RSCG, Tribal DDB, Galbusera, Fox TV, Dexter, Dercos, Fineco, Banca Mediolanum, Bellator, FEP Group, TBS Crew, Riptide, L’Erbolario, Bellator.

Al bando le ipocrisie, è chiaro che un nome blasonato possa essere più stimolante e soprattutto, vuoi mettere, otterrai da subito quella visibilità che ti consentirà di incamerare filotti di progetti importanti e soprattutto finalmente con un ottimo budget (la solita leggenda).

Per quanto riguarda il mio portfolio lavori ci tengo a ricordare che il mio cliente non potrà mai essere il “peggiore”, perché prima viene il cliente che c’è in me, che in genere ha pretese purtroppo anche più alte. Per un motivo o per un altro, non mi è possibile pubblicare tutti i progetti che ho realizzato perché ci sono però anche regole, scritte e non scritte, questioni di riservatezza ed anche di principio.

Aggiornare il portfolio costantemente e darò precedenza ai progetti più recenti, perché sono sicuramente molto più utili di quelli precedenti, in particolare quando si tratta di lavori online. Mentre per se sarà necessario un viaggio nel passato, sarò felice di raccontarli a voce, contattami ed organizziamo.

Stefano Bergomi